Servizi nati dall’ attenta programmazione del lavoro, dal confronto dei risultati ottenuti, dallo spirito di condivisione.

Servizi nati dai bisogni diretti dei cittadini, progetti che la cooperativa porta avanti in tutti i settori di interesse.

Servizi fortemente radicati nel territorio in cui si realizzano e che contribuiscono al benessere della collettività che vi abita.

0% di donne nel 2015
0% di posti di lavoro in più rispetto al 2014
0% lavoratori svantaggiati

IL LAVORO CHE CREIAMO OGNI GIORNO

In seguito alle recenti fusioni ed all’attivazione di nuovi settori di attività, il numero dei dipendenti della cooperativa è cresciuto progressivamente negli ultimi anni. Sono sempre più numerose le opportunità di lavoro offerte.

Leggi tutto

CHI SIAMO

La cooperativa di solidarietà sociale L’Ovile da sempre si pone come obiettivo primario la proposta di percorsi riabilitativi a persone in stato di bisogno o disagio attraverso l’accoglienza e l’inserimento lavorativo.

Leggi tutto
pulizie

News

RICHIEDENTI ASILO, ALL’APPELLO MANCANO PIU’ DI 700 POSTI

13 luglio 2017
La partecipazione al bando della Prefettura per l’accoglienza richiedenti asilo ha dato esito positivo. La nostra offerta è stata accolta quindi il servizio è confermato fino a dicembre 2017 con possibilità di prosecuzione fino al 2018. L’ATI (associazione temporanea di impresa) di cui fanno parte L’Ovile, capofila, e le cooperative sociali Madre Teresa, Coress e La Vigna, attualmente accoglie circa 200 persone in appartamenti in affitto da privati in tutta la provincia, ma il numero di posti per i quali si è aggiudicata è di 440 di cui a L’Ovile circa 350. La seconda ATI aggiudicataria, con capofila Dimora D’Abramo, ha ottenuto 1148 posti. Nel complesso quindi il fabbisogno provinciale richiesto dalla prefettura per la copertura di 2300 posti ad oggi non è assolto. E per le restanti 751 persone che arriveranno? La prefettura ha già pubblicato un nuovo bando con scadenza 11 luglio a copertura dei 751 posti. Lo scorso anno la gestione dei richiedenti asilo ha costituito per L’Ovile meno del 10% del fatturato, 859mila euro. Quest’anno aumenterà, ma il Cda ha deciso che resti comunque sotto il 20%. Anche perché l’impegno richiesto è veramente molto alto e non può essere improvvisato, è difficile fare accoglienza, trovare appartamenti, metterci mediatori ed educatori. Per questo il nostro appello a chiunque di segnalare appartamenti in provincia, esclusa Reggio città.

AL CAMPUS SAN LAZZARO UNA PALESTRA SOTTO IL CIELO

13 luglio 2017
E’ fissata per giovedì 13 luglio 2017 alle 18.00 a Luoghi di Prevenzione a Reggio Emilia l’inaugurazione della nuova area attrezzata per fare attività motoria. L’allestimento realizzato al Campus San Lazzaro comprende un percorso di 1,5 km nell’area pedonalizzata del parco, accessibile anche a persone non vedenti, e tre isole che dispongono di attrezzature per l’allenamento individuale, ciascuna delle quali con attrezzature sportive miste, quelle per rafforzare la muscolatura, quelle per la ginnastica dolce e quelle idonee a persone con disabilità. Una vera e propria palestra all’aperto per promuovere l‘attività fisica e la socializzazione, accessibile a tutti: bambini, giovani, adulti, anziani, persone con disabilità e non vedenti. Da luglio il parco e le sue attrezzature saranno già a disposizione dalla cittadinanza; inoltre, due volte a settimana – il martedì e giovedì – si terranno attività sportive di gruppo, gratuite e aperte a tutti. L’inaugurazione All’inaugurazione, aperta alla cittadinanza, saranno presenti: Adriana Giannini Responsabile Servizio di Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Regione Emilia-Romagna Giammaria Manghi Presidente della Provincia di Reggio Emilia Luca Vecchi Sindaco di Reggio Emilia Raffaella Curioni Assessora a educazione e conoscenza, Comune di Reggio Emilia Annalisa Rabitti Presidente FCR, Responsabile progetto “Reggio Emilia Città senza barriere” Riccardo Ferretti Pro Rettore Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – Sede di Reggio Emilia Fausto Nicolini Direttore generale Azienda USL di Reggio Emilia – IRCCS I partecipanti al progetto “Palestra sotto il cielo” è il frutto di una progettazione partecipata. Gli importanti e innovativi contributi che hanno reso possibile la realizzazione della palestra sotto il cielo sono stati forniti da tutti i partecipanti al progetto, in particolare: CRIBA: consulenza di esperti in fruibilità dei luoghi e contributi alla progettazione della palestra, con particolare attenzione alla sua accessibilità da parte dei disabili; UISP, CSI, CONI: consulenza di esperti e contributi inerenti lo svolgimento di una corretta attività motoria; supporto al corretto utilizzo delle attrezzature da parte dei cittadini attraverso la presenza nel parco di laureati in scienze motorie; FCR-Città Senza Barriere: contatti con associazioni di disabili e cooperative sociali ed esperti di vari settori per rendere il parco inclusivo e accessibile a tutti; Istituto Tecnico Secchi: partecipazione attraverso il progetto scuola-lavoro alla progettazione del percorso e delle aree attrezzate con produzione di planimetria; Liceo Artistico Chierici: partecipazione attraverso il progetto scuola-lavoro alla progettazione della nuova cartellonistica del parco inerente la palestra con produzione di “bozzetti”; Cooperativa L’Ovile: coinvolgimento dei detenuti attraverso il progetto “semiliberi”, che prevede il reinserimento sociale dal carcere, nella realizzazione del percorso sensoriale per i non vedenti e nella manutenzione del verde delle tre aree attrezzate; Centro Sociale Venezia: suggerimenti sulla progettazione del parco e sulle attrezzature per un migliore utilizzo da parte della cittadinanza; disponibilità a collaborare alla manutenzione del verde delle tre aree attrezzate; Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze: suggerimenti sulla progettazione del parco e sulle attrezzature, con proposte anche per il futuro inerenti, in particolare, l’utilizzo degli spazi da parte dei giovani; Luoghi di Prevenzione: consulenza di esperti nell’approccio motivazionale per collegare

EDUCATE, SECONDO APPUNTAMENTO IN ROMANIA

13 luglio 2017
Dal 19 al 23 giugno 2017 una delegazione de L’Ovile ha partecipato al secondo appuntamento di formazione previsto nell’ambito del progetto europeo “Educate. Educators for Inclusive and Effective Reintegration of Inmate”, di cui la cooperativa è capofila. La formazione, organizzata dal Penitenziario di Bistrita (Romania), ha consentito ai partecipanti di approfondire il tema della rete per il reinserimento sociale dei detenuti, coinvolgendo lo staff del carcere e stakeholder importanti sul territorio. Psicologi, educatori ed agenti hanno presentato la Strategia Nazionale per il Reinserimento Sociale dei Detenuti e, attraverso una visita alla struttura penitenziaria, hanno illustrato le diverse attività in essere all’interno del carcere. Diverse, poi, le esperienze locali presentate nel corso della settimana: una visita al Centro per il Reinserimento Sociale ONISIM, che offre accoglienza e opportunità lavorative a ex-detenuti, ha permesso di conoscere il percorso di diversi detenuti una volta usciti dal carcere; la prof.ssa Camelia TOMA, dell’associazione teatrale Anonimous, ha introdotto lo spettacolo teatrale di un gruppo di detenuti, tenutosi presso la Sinagoga, di fronte ad un pubblico numeroso ed emozionato; la prof.ssa Sorina POLEDNA, dell’Università Babeș-Bolyai di Cluj – Napoca ha analizzato, dal punto di vista teorico, diversi modelli di intervento per il reinserimento del detenuto, valutando gli impatti sul fronte della riduzione della recidiva. Una visita al Museo delle Vittime del Comunismo e della Resistenza e alla Fondazione Inocenti hanno offerto ai partecipanti elementi sul contesto sociale e culturale rumeno in cui oggi si strutturano percorsi di reinserimento sociale dei detenuti, con particolare attenzione alla popolazione Rom, fortemente presente in Romania. Una sessione in gruppi di lavoro ha consentito di sistematizzare alcune riflessioni emerse nel corso della settimana in merito a network sostenibili tra prigione e comunità. Il progetto “Educate”, finanziato dal programma Erasmus +, ha l’obiettivo di favorire lo scambio di buone pratiche tra le 5 organizzazioni coinvolte, provenienti da Italia, Romania, Spagna, Grecia e Portogallo. La terza ed ultima sessione formativa è prevista per ottobre 2017 in Spagna. visita il sito: www.educateproject.eu pagina facebook: Educate – Educators for Inclusive and Effective Reintegration of Inmate

SERVIZIO CIVILE IN PROGRESS / PARTE 2

13 luglio 2017
Di seguito la descrizione di come procede il lavoro per le nostre civiliste. Arianna, occupata nell’appartamento “Don Dino Torreggiani”, sta svolgendo un percorso di fotografia articolato in incontri settimanali con una fotografa volontaria, che insegna agli ospiti l’uso della macchina fotografica. Agli appuntamenti presso l’appartamento seguono uscite sul territorio, che permettono di mettere in pratica la teoria appresa. Il progetto è stato accolto da tutti in modo molto positivo sin dall’inizio. Tutti vivono gli incontri come momenti di svago e socializzazione. Chiara, nell’appartamento “Giorgio Iori” di Campagnola, prosegue il volontariato presso il canile di Castelnuovo di Sotto, attività nata in passato e che porta avanti insieme ad un’ospite molto interessato, impegnato in attività di cura degli animali e degli spazi della struttura. Altri ospiti dell’appartamento partecipano a serate organizzate da Arte Migrante, un’iniziativa spontanea di cittadini che si riuniscono per condividere l’arte nelle sue diverse forme. Questa proposta ha molto incuriosito i ragazzi. PARTE 1

ELEZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

12 giugno 2017
In occasione dell’ultima assemblea di maggio hanno avuto luogo le elezioni del Nuovo CdA della Cooperativa. Gli eletti sono Valerio Maramotti – Presidente, Patrizia Bonacini – Vicepresidente, Elisa Cocchi, Gemma Espinet Ribert, Simone Lusuardi, Emanuele Mussini, Alessandro Zanetti – Segretario. Il nuovo CdA, in questo primo mese di mandato, ha confermato il gruppo direttivo composto da Mariani, Ferroni e Borri e ha dato inizio ai lavori per la definizione delle linee strategiche per il triennio. Ringrazio a titolo personale e a nome di tutta la Cooperativa coloro che hanno servito L’Ovile ricoprendo il ruolo di consigliere nell’ultimo mandato, un grazie particolare al segretario uscente Marco Santarello e ad Ines Soliani che ha ricoperto il ruolo di vice presidente negli ultimi sei anni con grande impegno e spirito di servizio. Come ai consiglieri eletti anche a loro va il nostro augurio di buon lavoro! Valerio Maramotti

AD ACCUMULI SI CONCLUDE IL PROGETTO AMATRICIANA

12 giugno 2017
Nei giorni scorsi Gianluca Fontana e Pietro Beltrami, delegati della Cooperativa, si sono recati in provincia di Rieti, dalla Cooperativa Velinia, per consegnare i fondi raccolti tramite il progetto Amatriciana. Velinia è una cooperativa di castanicoltori attiva da diversi anni in provincia di Rieti, con sede è Borgo Velino. La Coop Velinia, già dai primi giorni dopo il sisma che ha colpito il centro Italia il 24  agosto 2016. Il tempo sembra essersi fermato a quei tragici momenti, e tanto ne servirà ancora prima di poter tornare alla “normalità”. La Coop. Velinia ha scelto di destinare i 3.458,50 euro da noi raccolti a un’azienda agricola a conduzione familiare situata ad Accumuli. Gianluca e Pietro hanno incontrato Gabriele. Lui e la sua famiglia hanno perso la casa e la stalla delle vacche da latte, loro fonte di sostentamento. Sono stati costretti a vendere i capi, non sapendo come fare a gestire l’allevamento in un territorio dove durante l’inverno arrivano anche due metri di neve. Grazie a Velinia e a L’Ovile Gabriele potrà ripartire. www.coopvelinia.com/index.php