News

APPROVATO IL BILANCIO 2017

13 giugno 2018
Nel corso dell’assemblea dei soci che si è tenuta martedì 29 maggio è stato approvato il bilancio del 2017. Sono molti i risultati degni di nota che hanno contrassegnato l’anno passato. Primo tra tutti l’incremento del fatturato che si chiude a 12,8 milioni di euro, circa 3 in più rispetto al 2016, al quale ha contribuito il servizio ambientale per il 32%. I lavoratori in forza al 31 dicembre erano 314, + 9,79% rispetto al 2016. Gli svantaggiati inseriti sono stati 153 ovvero il 48,72% sul totale dei lavoratori. Sull’inserimento lavorativo è stato inoltre fatto uno studio con il metodo VALORIS messo a punto dal Centro Studi Socialis dell’Università di Brescia col quale è stato misurato l’impatto dall’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Si tratta di uno studio che calcola costi e benefici e restituisce un valore quantificato in euro. L’Ovile nel 2017 ha creato per la PA un valore superiore a € 419.000. È possibile consultare il documento integrale al link: BILANCIO SOCIALE 2017

SEMILIBERI: DALLA TRADIZIONE GASTRONOMICA ALLA MUSICA

13 giugno 2018
Sono molte le novità che riguardano il progetto Semiliberi che L’Ovile ha avviato a favore del reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti. La prima riguarda l’attività agricola sul terreno all’interno del carcere di Reggio Emilia. Grazie ad un contratto con una azienda alimentare locale sono stati impegnati 5 detenuti per la coltivazione di prodotti ortofrutticoli per la produzione di un tipico piatto della cucina locale tradizionale. Sei dei detenuti occupati nella falegnameria di Semiliberi invece hanno prodotto 20 tavoli e 12 panchine che andranno ad arredare i nuovi locali di Cantina Garibaldi, il noto ristorante di Cavriago che si sta trasferendo a Puianello. L’inaugurazione è prevista a fine giugno. I tavoli e le panche sono state fatte mescolando assi di essenze diverse: noce, rovere, abete, frassino, pioppo, pino, castagno, ciliegio. Il locale, famoso per i suoi concerti jazz e i rinomati eventi gastronomici, si fornirà anche di verdure prodotte in carcere e allestirà un corner di vendita delle conserve e marmellate Semiliberi prodotte nel laboratorio alimentare. Sempre sul versante produzione agricole, una piccola porzione dei 3 ettari di terreni del carcere sono state posizionate 10 arnie, più precisamente nello spazio che entro fine anno diventerà un frutteto da circa 300 piante. La formazione alla produzione del miele è curata da un apicoltore locale. A completare il progetto, nel corso dell’estate sarà predisposto, accanto al laboratorio alimentare, anche un laboratorio di smielatura e confezinamento. Da luglio saranno disponibili i primi vasetti di miele Semiliberi prodotto in carcere. Infine ma non certo per importanza, il progetto Semiliberi, insieme al Consorzio Oscar Romero, ha coordinato un corso musicale per detenuti con patologia psichiatrica. Il corso prevedeva una prima parte di laboratorio di costruzione di strumenti musicali con materiali di recupero (i tubi di corrugato sono diventati tamburi mentre i cestelli da asciugatrici sono ora casse da batteria). Nella seconda parte del corso si è costituita la banda di percussionisti nella quale i detenuti hanno potuto sperimentare gli strumenti costruiti. Il laboratorio musicale, gestito dalla BandaRulliFrulli, avrà la sua conclusione il 15 giugno con lo spettacolo teatrale “I fratelli Karamazov”. La pièce, realizzata all’interno degli Istituti Penitenziari di Reggio Emilia, unisce il corso musicale e il percorso teatrale svolto dalla Cooperativa Il Pratello di Bologna.

INAUGURAZIONE SEDE COORDINAMENTO RTI

13 giugno 2018
Il 20 giugno 2018 alle 11,00 si terrà l’inaugurazione della sede del coordinamento della Rete Temporanea d’Impresa per l’accoglienza di cittadini richiedenti asilo in via Guittone d’Arezzo, 8 a Reggio Emilia “4 ORGANIZATIONS 4 YOU” L’inaugurazione degli uffici per il coordinamento dell’accoglienza a servizio dei cittadini richiedenti asilo ospitati dalle Cooperative in Rete Temporanea d’Impresa è occasione d’incontro, confronto e convivialità. Si è scelta una data fortemente simbolica: il 20 giugno. In questa data si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, appuntamento annuale voluto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che da oltre dieci anni ha come obiettivo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla condizione di oltre 60 milioni di rifugiati in tutto il mondo. I nuovi uffici del R.T.I. in Via Guittone d’Arezzo (Ex-lFOA) da alcuni mesi accolgono gli operatori e i richiedenti asilo accolti dalle quattro Cooperative (“4 Organizations“) che, attraverso un servizio di raccordo e coordinamento (Coordinamento del R.T.I., Ufficio documenti, Coordinamento territoriale, Ufficio mediazioni, Ufficio sanità, Scuola d’italiano e laboratori), lavorano per favorire un servizio di accoglienza adeguato per ogni richiedente asilo accolto (“4 YOU“) affinché l’accoglienza sia diffusa, equilibrata, sostenibile ed inclusiva (#WithRefugees).

L’OVILE REALIZZA UN LABORATORIO A FICO

13 giugno 2018
Sabato 26 maggio 2018 alcuni ragazzi dei Socio-Occupazionali Nessuno Escluso ed Ecocreativo hanno curato un laboratorio al FICO EATALY WORD – Fabbrica Italiana Contadina, il parco agroalimentare più grande del mondo di Bologna. Il Laboratorio “Storie di incontri a colori” è un atelier di disegno e pittura dedicato ai bambini e pensato e realizzato per favorire l’incontro con la differenza e creare uguaglianze. Il laboratorio è stato pensato come un’esperienza unica per giocare con i sensi e stimolare i bambini, per creare momenti di socializzazione e scambio tra gli utenti dei Centri Socio-Occupazionali de L’Ovile (Nessuno Escluso ed Ecocreativo) e di relazione tra grandi e piccini. In occasione del laboratorio è stato anche allestito un corner con i prodotti K-lab – storie di incontri, il collettivo che sviluppa progetti attraverso l’incontro fra persone che provengono dal mondo creativo ed imprenditoriale ed il mondo legato alla fragilità. Grafici, architetti, illustratori, designer, scenografi, imprenditori, e molto altro che si mettono in gioco in modo diverso, e lavorano assieme alle persone fragili, riconoscendone capacità e valore, canalizzando le loro risorse in modo produttivo, dando dignità e giusto riconoscimento al loro talento. www.k-labdesign.it

PARTE LA RACCOLTA PORTA A PORTA A MANCASALE

13 giugno 2018
L’Ovile ha colto in pieno l’opportunità che si è creata a seguito della nuova modalità di raccolta dei rifiuti porta a porta a Mancasale. L’azienda IREN AMBIENTE, la società del Gruppo Iren che, sul territorio emiliano, svolge il coordinamento e la gestione del ciclo integrato dei rifiuti ha riorganizzato la raccolta dei rifiuti dotando L’Ovile di cassonetti per la raccolta porta a porta dei rifiuti di carta/cartone, plastica, vetro e residui organici. Negli uffici della sede di Mancasale sono quindi state completamente riorganizzare le modalità di raccolta per incrementare la frazione riciclabile e ridurre il residuo indifferenziato.

L’OVILE AL SEMINARIO OLTRE IL CARCERE

13 giugno 2018
È in corso dall’11 al 13 giugno a Bari il seminario nazionale organizzato da EPALE “Oltre il carcere” che vede la presenza dalla nostra Cooperativa. Francesca Cavedoni in particolare raccolta l’esperienza de L’Ovile grazie anche al progetto “EDUCATE – – Educators for Inclusive and Effective Reintegration of Inmate” Il seminario nasce con l’intento di fornire riflessioni e iniziative concrete per rendere possibile una progressiva ritessitura dei legami relazionali tra carcere e collettività, uno degli obiettivi principali promossi dagli Stati generali sull’esecuzione penale, confluito poi nel presente disegno di riforma dell’ordinamento penitenziario. Il legame tra carcere e collettività, decisivo per un effettivo recupero del detenuto alle regole della comunità in cui è destinato a tornare, sarà affrontato attraverso tre prospettive: il ruolo dell’istruzione, della formazione e del lavoro penitenziario (sia intramurario che esterno), la responsabilizzazione del detenuto, nei confronti del progetto educativo di cui è protagonista, e i percorsi di giustizia riparativa: una prospettiva, quest’ultima,  molto ambiziosa che supera la logica del castigo e mette il detenuto davanti al dolore provocato alle vittime o alla comunità e che richiede forme di riparazione del danno provocato. https://ec.europa.eu/epale/en/content/seminario-epale-oltre-il-carcere

PRESENTAZIONE BILANCIO SOCIALE 2017

11 maggio 2018
Il 29 maggio 2018 tutti gli interessati sono invitati alla presentazione del nostro Bilancio Sociale 2017 presso La Polveriera in via Terrachini 18. La serata inizia alle 20,30, con la presentazione a soci e amici dei risultati raggiunti in un anno di lavoro. Alle 21,00 segue l’intervento “L’impatto socio-economico della cooperazione. L’esito dell’inserimento cooperativo e le prospettive future sul tema” di Elisa Chiaf del Centro Studi Socialis di Brescia. Questa settima edizione del Bilancio Sociale realizzata nel venticinquesimo anniversario della Cooperativa, oltre alla consueta raccolta di indicatori sociali, ambientali ed economici è stata integrata con una valutazione di impatto. In particolare sono illustrati i risultati dello studio realizzato con il metodo VALORIS che calcola costi e benefici per la Pubblica Amministrazione dell’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Tale studio restituisce la misurazione dell’impatto economico generato dal settore B della nostra Cooperativa.

CENTRI ESTIVI 2018

11 maggio 2018
Se i vostri bambini sono amanti della natura e desiderano avvicinarsi alla vita di campagna diventando esperti conoscitori di animali domestici e selvatici, ameranno la nostra Estate in Fattoria: ad attenderli laboratori di pet therapy, attività all’insegna del riciclo creativo, racconti suggestivi, divertenti giochi d’acqua, emozionanti esperienze di “messa in sella” e… tanti amici animali! L’incontro con la natura avverrà anche durante l’estate dell’Oasi di Marmirolo: entusiasmanti attività itineranti di conoscenza dei nostri ecosistemi, tra boschi rigogliosi e torrenti selvaggi, esperimenti scientifici, laboratori creativi e manuali, osservazioni e avventure notturne in tenda sono gli ingredienti per un’estate ricca di emozioni… naturali! Volantini e moduli iscrizioni alla pagina di Ecosapiens

LA STORIA DELLE STORIE

11 maggio 2018
Torna lo spettacolo proposto dal Centro Socio Occupazionale di Rubiera Ecocreativo. I ragazzi si esibiranno per noi Mercoledì 6 Giugno 2018 alle 21.00 in Polveriera, via Terrachini 18 a Reggio Emilia. La storia delle storie è l’esito di un viaggio coraggioso, l’ardimentoso tentativo di scrivere un’autobiografia collettiva. Un gruppo di persone, provenienti da esperienze diverse, depositano sul piatto sensazioni di nascita, ricordi della prima infanzia, immagini di un passato lontano, per mischiarli in un racconto d’insieme. Trascendere le vicende personali per inserirsi nel tessuto collettivo di un’avventura, quella umana, che riguarda tutti e che, se pur in diversa misura per ognuno, attraversa le tappe del venire e dello stare al mondo, in un dipanarsi di momenti, tra gioie, dolori, fatiche, avversità, desideri, nella strampalata ricerca del senso dell’esistere. Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con con SpazioVita Teatro e le registe Francesca Catellani e Giorgia Bertolini, il Servizio Sociale Unificato Tresinaro Secchia e il Servizio SAP. L’ingresso è libero ma l’offerta è sempre gradita. Non mancare!

RIPARTITA LA STAGIONE ALL’ECOPARCO DI VEZZANO

11 maggio 2018
L’Ecoparco di Vezzano ha riaperto i battenti e predisposto il suo fitto calendario di attività finesettimanali. Accanto alle tradizionali proposte di Fattoria didattica alla domenica mattina e ai Kart a pedali, arriva la nuova ECOpark arena con i suoi eventi, prodotti del territorio, degustazioni, riflessioni e camminate all’aperto. Sassi, lombrichi, insetti, passeggiate e girandole completano la proposta. Scoprila nel dettaglio sul volantino e vienici a trovare. www.eco-parco.it

EDUCATE PROSEGUE CON I FOCUS GROUP

11 maggio 2018
Si è svolto venerdì 27 aprile il Focus Group previsto dal progetto EDUCATE. I lavori, condotti dalle nostre Cavedoni e Raisi, hanno coinvolto diversi esperti del settore: Carla Brezzo dell’Ufficio del Garante dei Detenuti, Michele Dall’Aglio di Agenzia Mestieri, come esperto in inserimenti lavorativi, Lucia Gianferrari del Comune di Reggio Emilia, On. Vanna Iori, Senatrice e promotrice della legge 2443 del 2017 sulla figura professionale degli educatori, Antonia Sandrolini dell’Uepe di Reggio Emilia. Il focus group, parte integrante del progetto EDUCATE di cui L’Ovile è capofila, è stato proposto da ogni partner del progetto (Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, Romania) nel proprio paese con i propri stakeholder. Il report che ne verrà redatto rappresenta un ulteriore tassello nella definizione della cassetta degli attrezzi utile per migliorare l’efficienza ed efficacia dell’educatore che si occupa del reinserimento sociale dei detenuti. www.educateproject.eu

PRESENTATO IL PROGETTO W.IN.TOO

11 maggio 2018
L’Ovile ha recentemente presentato, nell’ambito del programma Erasmus+, il progetto “W.In.Too. Work Integration Toolkit for Inclusion of Persons Deprived of Liberty”, finalizzato alla costruzione e sperimentazione di una serie di strumenti rivolti ad educatori ed operatori che lavorano con detenuti, persone in misure alternative ed ex-detenuti, supportando, in particolare, percorsi di inserimento lavorativo. Sono previsti anche prodotti specifici per fare sensibilizzazione nelle comunità locali e presso il mondo imprenditoriale, in modo da facilitare l’integrazione di persone private della libertà nel contesto di appartenenza. Il progetto vede il coinvolgimento di 5 organizzazioni che operano nel settore della Giustizia in Italia, Spagna, Romania, Grecia e Portogallo e prevede l’importante supporto del Garante delle persone private della libertà personale della Regione Emilia-Romagna e di Cecop – European confederation of industrial and service cooperatives per attività di disseminazione e sensibilizzazione nei Paesi partner e a livello europeo. Siamo in attesa dei risultati, che dovrebbero uscire nel corso dell’estate (luglio/agosto).

IL GARANTE IN VISITA

12 aprile 2018
Il 15 marzo scorso è venuto in visita alla nostra Cooperativa il Garante delle persone private della libertà personale, Marcello Marighelli e le sue collaboratrici Carla Brezzo e Francesca Cappola. La visita ha avuto inizio presso i laboratori di assemblaggio della sede della Cooperativa a Mancasale dove il Garante ha incontrato alcuni dei nostri lavoratori. In particolare ha ascoltato le storie di chi è sottoposte alle misure alternative (uno dei quali ospitato presso le nostre strutture). Il Garante accompagnato da Francesca Cavedoni ed Elena Frascaroli si è poi spostato a Casa Don Dino Torreggiani, la casa presa a modello anche in ambito universitario, attraverso una pubblicazione (Cerrocchi, Cavedoni, 2016) – adottata nei corsi di laurea scienze dell’educazione e scienze pedagogiche – sulla cura educativa per il reinserimento sociale di persone sottoposte a misura alternativa alla detenzione. Durante la visita al gruppo-appartamento Torreggiani (media protezione, ora in evoluzione per divenire struttura per persone provenienti dal Centro di Salute Mentale) gli ospiti della casa hanno accolto i visitatori. Casa Don Dino è stata protagonista del progetto ACERO che, ormai concluso, ha accolto circa 25 persone in 2 anni (2013 e 2014). La speranza è quella di poterlo riproporre. Il gruppo si è poi spostato in Polveriera dove Massimo Caobelli ha raccontato il progetto Semiliberi e mostrato tutti i lavori che vengono prodotti dai detenuti all’interno del laboratorio di falegnameria. L’attenzione si è poi spostata sul progetto EDUCATE, di cui L’Ovile è Capofila, e sull’importanza che riveste nella creazione di un modello sulla formazione degli educatori che operano in ambito detentivo e di esecuzione penale esterna (modello che sia trasversale ai 5 paesi europei: Spagna, Portogallo, Romania, Grecia, Italia). L’obiettivo del progetto è infatti quello di costruire un modello, riconosciuto a livello internazionale, che riconosce alla figura educative un ruolo centrale e primario nel trovare risposte ai bisogni e nell’interazione con le dimensioni variegate della fragilità intesa in senso più ampio. Il percorso di riflessione vuole costruire un training e un profilo di competenze di educatore “efficace” che lavora in questo ambito difficile e complesso tenendo a riferimento l’intervento educativo che deve essere sia personalizzato  che di comunità cioè in linea con le regole interne/esterne di gruppo, ma anche in riferimento alla società esterna. Il progetto prevede il coinvolgimento dell’Ufficio del Garante nel progetto EDUCATE in particolare Carla Brezzo è convocata al tavolo del prossimo focus group che si terra il 27 aprile 2018. www.educateproject.eu. Cosa fa il Garante “Il Garante si attiva per il rispetto dei diritti e della dignità di chi è privato della libertà personale. Secondo quanto previsto dalla legge regionale istitutiva (L.3/2008 e successive modificazioni), è scelto fra esperti esterni alla Pubblica Amministrazione di comprovata competenza ed esperienza professionale in ambito penitenziario, nel campo delle scienze giuridiche, delle scienze sociali o dei diritti umani e deve offrire garanzia di probità, indipendenza, obiettività, competenza e capacità nell’esercizio delle proprie funzioni. E’ una figura autonoma e indipendente. http://www.assemblea.emr.it/garanti/i-garanti/detenuti/il-garante

PROBATION E MESSA ALLA PROVA

12 aprile 2018
Il 13 marzo scorso si è svolto a Bologna presso la sede della Regione Emilia Romagna il convegno “Probation e messa alla prova negli Uffici di Esecuzione Penale Esterna dell’Emilia-Romagna: una ricerca per riflettere”; la giornata, organizzata da UEPE E.R. e l’Ufficio del Garante Regionale dei diritti delle persone detenute, prende le mosse da un progetto che ha visto il coinvolgimento delle Università di Parma e di Bologna, per il Monitoraggio delle ordinanze di messa alla prova (Mo.map). Oltre ai risultati della ricerca, che ha interessato circa 130 ordinanze di messa alla prova seguite dagli Uffici di esecuzione penale esterna di Bologna e Reggio Emilia, nel convegno hanno trovato spazio i contributi di diversi soggetti e attori coinvolti a diverso titolo nel funzionamento concreto di questo istituto, a partire da Gemma Tuccillo, Capo del Dipartimento per la Giustizia minorile e la Comunità e Antonio Amato, Capo Area dell’Area delle Misure di Comunità di Bologna, al dott. Alberto Ziroldi, Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna, fino alle testimonianze di enti e associazioni che ospitano gli imputati per il lavoro di pubblica utilità, obbligatorio all’interno dei programmi di messa alla prova per soggetti adulti. L’ultima sessione del convegno, con la presidenza del garante Marighelli, ha visto la partecipazione del centro di Giustizia Riparativa Anfora (www.anforagiustiziariparativa.com), della nostra Cooperativa: la coordinatrice Caterina Pongiluppi ha parlato dell’importanza della mediazione penale all’interno della messa alla prova, come richiesta dalla disciplina dell’istituto introdotto con Legge 28 aprile 2014, n. 67, descrivendo poi in particolare la sperimentazione attualmente in corso presso il centro Anfora, sulla base del protocollo siglato nel maggio del 2016 tra la Cooperativa L’Ovile e l’UDEPE di Reggio Emilia Parma e Piacenza; quest’ultimo documento, la cui presenza garantisce una cornice di rilevanza pubblica all’intervento di giustizia riparativa, è uno dei primi e tuttora uno dei pochissimi stipulati sul territorio nazionale per l’applicazione della mediazione penale all’interno della messa alla prova, il chè rende l’esperienza de L’Ovile particolarmente significativa e all’avanguardia.

LE TUE SCARPE AL CENTRO! UN PROGETTO DI ECONOMIA CIRCOLARE

12 aprile 2018
Il Centro di Educazione Ambientale della Rete Reggiana insieme ad ARPAE e alla Rete regionale educazione alla sostenibilità, hanno attivato un progetto educativo e dimostrativo per la promozione dell’economia circolare unitamente ai gestori dei rifiuti dei rispettivi territori: “Le tue scarpe al Centro!”. Ragazzi, cittadini, sportivi saranno i protagonisti del progetto, raccogliendo, in appositi contenitori, le loro scarpe da ginnastica usurate. Queste ultime saranno poi appositamente trattate per diventare un granulato di morbida gomma e quindi dei tappetini utili ad allestire le aree giochi dei bambini nei parchi pubblici! Il progetto non sarà solo virtuoso, ma anche benefico: si propone infatti di donare quanto realizzato (il granulato e i tappetini morbidi) a uno o più Comuni interessati dal sisma in centro Italia. La parte di progetto che vede il coinvolgimento di Ecosapiens si sdoppia in due centri: a Poviglio, ha preso il via prima nelle scuole del comune e continuerà il 15 aprile in Piazza, in occasione della tradizionale Fiera di Aprile, con l’aiuto di Sabar. a Vezzano sul Crostolo, il 6 maggio, in occasione della tradizionale Festa dell’Asparago, con l’aiuto di IREN. Il progetto esplicita ai cittadini cos’è l’economia circolare e il ruolo attivo che possono svolgere i consumatori in collaborazione con imprese e municipalità. Una azione motivante che accresce le capacità di azione vs la sostenibilità delle comunità locali e stimola lo sviluppo di nuovi processi produttivi circolari che danno nuova vita alla materia. Il progetto mobilita importanti risorse umane e organizzative oltre alle strutture di Arpae e della Regione: 14 Centri di educazione alla sostenibilità dell’intero territorio regionale che afferiscono a 48 Comuni. I comuni della nostra provincia che saranno interessati dal progetto e in cui opera il CEAS della RETE REGGIANA sono Albinea, Bibbiano, Canossa, Campegine, Poviglio e Vezzano sul Crostolo. Per informazioni: CEAS RETE REGGIANA E-MAIL: ceas.retereggiana@comune.albinea.re.it; Web: www.ceas-retereggiana.it Il CEAS, Centro di Educazione all’Ambiente e alla Sostenibilità, Rete Reggiana è nato nel 2012 dalla volontà dai Comuni reggiani di Albinea, Bibbiano, Campegine, Canossa, Poviglio e Vezzano sul Crostolo con l’intento di far collaborare le proprie strutture sulle politiche di educazione all’ambiente e allo sviluppo sostenibile. Il centro fa parte della più ampia Rete di Educazione alla Sostenibilità dell’Emilia- Romagna.  

RIQUALIFICAZIONE URBANA-UMANA: MEDIAZIONE E GESTIONE SOCIALE PER CITTÀ DELLE PERSONE

9 marzo 2018
Il 20 marzo 2018 D.N.A. e Mediattivi, in occasione della IV Giornata della Mediazione Sociale dell’Emilia Romagna, organizzano un seminario gratuito che si terrà in Via della Fiera 8, Terza Torre Regione Emilia Romagna – Sala 20 Maggio 2012 – Bologna, OBIETTIVI DELLA GIORNATA Far emergere le ricadute sociali ed economiche degli interventi di Mediazione sociale sui territori (il costo del conflitto) valorizzare le esperienze di coinvolgimento e attivazione dei cittadini nella cura degli spazi abitativi, come risorse per la cura del bene comune: investimento in capitale umano e sociale, Gestione sociale, rigenerazione urbana valorizzare le ricadute degli interventi di Mediazione Sociale in termini di maggiore sicurezza urbana coinvolgere e raggiungere le diverse politiche (welfare, politiche abitative, sicurezza, cultura) per la progettazione di interventi di riqualificazione urbana e sociale incentivare le collaborazioni pubblico/privato programma MATTINA 9.00 Accoglienza 9.30 Mediattivi: Paolo Lazzaretti – ACER Modena: La Gestione Sociale nell’erp Elisa Zavoli – Coop. Fratelli è possibile: La Mediazione sociale nei territori 10.00 Presentazione della ricerca Il costo del Conflitto a cura della coop Mediando 10.30 Tavola rotonda: Il futuro delle città: rigenerazione degli spazi e delle relazioni Modera Agnese Bertello – Ascolto Attivo, Milano con: Andrea Casagrande, coordinatore delle presidenze ACER; Marcello Capucci, Regione Emilia Romagna; Raoul Mosconi, ANCI Emilia Romagna; Luca Talluri, Federcasa; Luca Dondi Dall’orologio, Nomisma – Società di studi economici, Bologna; Giordana Ferri, Fondazione Housing Sociale, Torino. 12.00 Intervento di Elisabetta Gualmini, Vicepresidente della Regione Emilia Romagna 12.30 Sintesi Visuale – a cura dell’associazione culturale Cheap, Bologna 13.00 – 14.30 – Pranzo POMERIGGIO 14.30 WORKSHOPS – Riqualificazione urbana e spazi di socialità a cura di Coop. Mediando, Acer Reggio Emilia e Acer Bologna – Condominio: nuove forme di gestione e prospettive. Presentazione di Condomini Collaborativi, Progetto realizzato con il sostegno della Regione Emilia-Romagna – L.R. 3/2010 – a cura di Acer Ravenna e Villaggio Globale Coop. Sociale – Housing e Co-Housing: nuove forme di abitare a cura di Coop. Fratelli è Possibile e Acer Rimini – Stranieri: lo spazio tra accoglienza ed integrazione a cura di Coop. Camelot, ACer Ferrara e Acer Bologna – Sicurezza: la collaborazione con i cittadini a cura di Coop. L’Ovile con Ass. Super Partes e Acer Modena – Giovani e Territorio: quale mediazione? a cura di Coop Mediando, Acer Parma, Acer Piacenza 16.00 Restituzione in plenaria delle parole chiave dei singoli gruppi. Sintesi Visuale a cura di ass. Cheap Info: mediazione@aziendacasamo.it Andrea Caccìa, coop. soc. Villaggio Globale 342 9080614 La partecipazione è gratuita. Per iscriversi è necessario registrarsi al seguente link: ISCRIVITI

NATURA DI PRIMAVERA 2018

9 marzo 2018
Manca poco alle nuove iniziative ricreative e visite guidate per adulti e bambini all’oasi WWF di Marmirolo (RE) Domenica 18 Marzo dalle 15,00 alle 17,00 La voce dei sassi I sassi grandi e piccoli, lisci o ruvidi, si animano e diventano piccole opere d’arte, custodi dell’oasi. Laboratorio per dare spazio alla fantasia e al colore! Domenica 8 Aprile dalle 15,30 alle 17,30 I totem dell’Oasi Una divertente passeggiata nell’Oasi per conoscere gli animali che vi abitano, per poi creare il proprio amuleto-animale utilizzando i materiali che la natura ci può regalare! Sabato 28 Aprile dalle 9,00 alle 13,00 Workshop Disegno naturalistico Disegnare gli animali dal vero, osservandoli con ottiche per poter fissare sul taccuino da campo comportamenti e suggestioni, forme e colori con la tecnica dell’acquerello. In collaborazione con l’associazione ARTyou. Attività a pagamento. Necessaria la prenotazione. Domenica 29 Aprile dalle 16,00 alle 19,00 Un Oasi di Storie L’oasi si trasformerà in un grande palcoscenico: piccoli angoli di Natura accoglieranno chi vorrà ascoltare storie, racconti e leggende. Domenica 6 Maggio dalle 16,00 alle 18,00 Predatori sotto terra! Un universo in ogni singola zolla, ecco cosa si nasconde sotto i nostri piedi. Solo per chi non ha paura di sporcarsi… le mani! Domenica 20 maggio dalle 10,00 alle 19,00 Giornata delle Oasi WWF Il modo migliore per celebrare la Biodiversità! Esplorazioni e osservazioni in natura, laboratori didattici e ricreativi, disegni e narrazioni. Una sorpresa finale in compagnia dei ns amici animali. Sabato 2 giugno dalle 21,00 alle 23,00 Microcosmo nella notte: lucciole e piccole creature Lucciole, rospi, falene, rapaci notturni e … Escursione notturna per conoscere il mondo segreto della notte! Riusciremo a osservare quello che non vuole essere visto? Domenica 10 Giugno dalle 16,00 alle 18,00 L’albergo degli insetti Cosa si nasconde dentro il grande Bugs Hotel dell’Oasi? Costruiamo un piccolo nido per gli insetti utili dei nostri orti e giardini.   Per informazioni: WWF Emilia Centrale reggioemilia@wwf.it FB wwfemiliacentrale

MARZO MESE DEL RICICLO DI CARTA E CARTONE

6 marzo 2018
“Lo Gnomo Cartaio” che si svolgerà il 19 e 26 Marzo a Fiorano Modenese e “I Dinosauri Mangiaspazzatura” che avrà luogo il 15 e 22 Marzo a Maranello sono i due progetti didattici per la Scuola dell’Infanzia che Ecosapiens realizza per il Centro di Educazione Ambientale Ca Tassi, nell’ambito delle iniziative del Mese del riciclo di carta e cartone di Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi Cellulosici): oltre 30 eventi in calendario in soli 31 giorni. Quest’anno, infatti, per la prima volta, marzo si veste di carta e cartone. Comieco, in collaborazione con la Federazione della Filiera della carta e della grafica, Assocarta e Assografici, Unirima e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, promuove la prima edizione di una campagna nazionale ricca di iniziative culturali, appuntamenti educativi e incontri informativi per spiegare agli Italiani (con il coinvolgimento dei cittadini, operatori del settore, artisti) il valore e le potenzialità di carta e cartone e del loro riciclo. Sul sito comieco.org saranno disponibili gli aggiornamenti del calendario che ogni settimana si arricchisce di iniziative speciali toccando Milano, Roma, Napoli e le principali città italiane. Quanto è importante la carta nella vita degli italiani? Quanto ne sanno del suo ciclo di vita, di come viene recuperata e riutilizzata attraverso il riciclo? A queste e a molte altre domande vuole rispondere il Mese del riciclo di Carta e Cartone, che metterà in evidenza quanto carta e cartone siano amici degli italiani e delle loro città, e ancor più quale sia il loro valore in differenti ambiti della vita. Attraverso un ricco calendario di iniziative culturali, appuntamenti educativi e incontri informativi, il mese di marzo sarà l’occasione per spiegare agli italiani le qualità e le potenzialità di questo materiale e della filiera cartaria, perfetto esempio di economia circolare. Carta e cartone ci circondano e accompagnano nelle nostre principali attività: sono cultura, informazione, arte, protezione di prodotti e alimenti, economia. Chi è Comieco Comieco – Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica – è innanzi tutto il garante del corretto avvio a riciclo di carta, cartone e cartoncino che gli italiani separano ogni giorno nelle loro case. D’intesa con CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi, Comieco stipula con le amministrazioni locali convenzioni per la raccolta differenziata della carta e degli imballaggi cellulosici. Le convenzioni prevedono un corrispettivo calcolato sulla base della quantità e della qualità della raccolta, che ha lo scopo di aiutare i Comuni a sostenere i maggiori costi generati dalla differenziata. Nel 2016 il totale dei trasferimenti da Comieco ai Comuni ha superato i 100 milioni di euro. Nel perseguire i propri obiettivi, Comieco promuove su tutto il territorio nazionale iniziative volte ad aumentare la conoscenza, la sensibilizzazione e la cultura della buona raccolta differenziata e del riciclo. Portare tutte le realtà territoriali alla massima misura raggiungibile. È la sfida di Comieco per il presente e per il futuro. Grazie allo sforzo condiviso di enti, imprese, organizzazione e, soprattutto, grazie all’impegno di chi

L’OVILE IN FESTA

17 febbraio 2018
Il 4 marzo la Cooperativa compie 25 anni. Per l’occasione tutti i soci e lavoratori sono invitati alla festa che si terrà in Polveriera dalle 18. Si tratta del primo di diversi appuntamenti che Il Consiglio di Amministrazione, eletto a maggio 2017, ha in programma per celebrare il venticinquesimo della nostra Cooperativa. Programma: 17,00 / Santa Messa 18,00 – 19,30 / atelier creativo a cura di Ecocreativo e kart a pedali a cura di Ecosapiens 18,30 – 19,30 / animazione teatrale con Mauro Incerti e Andrea Zanni 18,30 in poi / musica di Hank e Sammy 19,30 / saluti e buffet 21,00 / torta di compleanno L’invito è aperto a tutti i lavoratori e ai soci della cooperativa. Per partecipare è necessario comunicarlo al proprio responsabile. I soci invece segnalano la propria partecipazione mandando una mail a segreteria@ovile.net o chiamando lo 0522/271736. Termine ultimo per le adesioni è martedì 27 febbraio. L’Ovile in Festa si terrà domenica 4 marzo in Polveriera, via terrachini, 18 a Reggio. Altri eventi coi quali celebrare l’importante traguardo seguiranno nel corso dell’anno.

IKEA ARREDA LA COMUNITÀ ALLOGGIO

17 febbraio 2018
È con riconoscenza che L’Ovile accoglie l’importante donazione di arredi che IKEA Parma ha fatto al nostro progetto “Una Casa per ricominciare. Ri-progettare e realizzare percorsi di accoglienza e riabilitazione per persone in disagio psichico”. La donazione di IKEA alla Comunità Alloggio in via Gobetti consiste in: 8 camere da letto per un totale di 11 posti con armadi, letti, comodini, lampade comodini, il soggiorno completo: 2 divani,2 poltrone, mobili/libreria, tappeto, la sala da pranzo con tavoli, sedie, 2 credenze, la loggia con tavolo, sedie, 2 poltrone, 4 fioriere, due zone relax con tavolini, libreria e poltroncine, l’ufficio operatori con librerie, tavolo, sedie, scrivania, poltrona letto. Negli ultimi anni L’Ovile ha investito a livello progettuale ed economico in questo progetto, ritenendo fosse utile mettere le competenze ed esperienze maturate nel tempo nell’accoglienza di persone con patologie psichiatriche a servizio dei nuovi bisogni della comunità. In questo percorso è fondamentale per noi trovare il sostegno e l’adesione di importanti interlocutori del territorio. La donazione, che rientra nelle politiche di responsabilità sociale ed ambientale di IKEA, diventa parte integrante del progetto, in quanto funzionale al raggiungimento degli obiettivi educativi. Arredi ed allestimenti contribuiscono a migliorare la qualità della vita delle persone accolte e degli educatori che li seguono, creando spazi accoglienti che facilitano il lavoro sulla sfera relazionale e sostengono l’acquisizione di competenze nell’ambito della cura di sé, della casa e degli altri.

L’OVILE ALLE SALSE DI NIRANO

17 febbraio 2018
L’Ovile ha partecipato e vinto (con il proprio marchio Ecosapiens) al bando per la gestione di alcune delle attività che si svolgono alla Riserva Naturale Regionale delle Salse di Nirano che si trova a Fiorano Modense. La gestione verrà svolta assieme a Idea Natura ed è a “contratto misto”, una parte è affidata a canone, una parte del guadagno della Cooperativa L’Ovile invece dipenderà dalle sue capacità di proposta e marketing. Sono previsti venticinque laboratori l’anno, apertura dell’Eco-museo a canone, visite guidate e scolastiche a pagamento. Per informazioni e prenotazioni: Ecosapiens Tel. 0522/343238

AGGIORNATA LA POLITICA QUALITÀ AMBIENTE

17 febbraio 2018
L’Ovile ha aggiornato la sua politica ambientale integrandola con i “principi fondamentali della Carta della Terra: il rispetto della Terra e della vita in tutta la sua diversità; la cura della comunità della vita; la costruzione di società democratiche che siano giuste, partecipative, sostenibili e pacifiche; la tutela dell’abbondanza e la bellezza della Terra per le generazioni presenti e future”. La Carta della Terra sancisce un patto tra i popoli e la Terra. Si tratta di un documento unico, a partire dal processo che lo ha generato. La Carta della Terra ci mette di fronte alla sacralità della nostra Casa, la Terra. Ci ricorda le sfide che ci vengono incontro e vuole indicare possibili vie per affrontarle. Non indugia in allarmismi, ma ci richiama fortemente alla nostra responsabilità, in quanto esseri umani, nei confronti della Creazione. Non è un documento “ecologista”, ma un richiamo a principi etici che possano orientare le nostre azioni impegnate nella costruzione di un mondo sostenibile. La Carta della Terra è considerata uno degli strumenti più innovativi ed efficaci dall’UNESCO per la promozione di un’educazione sostenibile, nel quadro del Decennio ONU 2005-2014 sull’Educazione allo Sviluppo Sostenibile. La politica è stata anche integrata con l’impegno “per l’introduzione di azioni di cambiamento nell’ambito Family Audit, che incidano cioè sulle possibilità di conciliazione tra vita lavorativa e vita privata dei/lle dipendenti, sostenendoli sia attraverso il miglioramento dell’organizzazione del lavoro (tempi e modalità) sia favorendo le opportunità di accedere a servizi presenti sul territorio che facilitino l’organizzazione familiare”. Sfoglia la Carta della Terra Nuova politica qualità ambiente

SERVIZIO DI CONSULENZA NON LEGALE

17 febbraio 2018
Nell’ambito del Piano Family Audit, la Cooperativa mette a disposizione dei propri lavoratori stranieri Ue e extra UE un servizio di consulenza non legale gratuito, in materia di immigrazione. Ove possibile, si offre supporto alla compilazione di moduli e domande relativamente all’ottenimento o il rinnovo del titolo di soggiorno, alla richiesta di cittadinanza e invito turistico, all’iscrizione al test di lingua italiana. Il servizio verrà erogato gratuitamente, ma su appuntamento, al mattino dalle 9.00 alle 13.00.

IL PROGETTO EDUCATE PROSEGUE IN GRECIA

17 febbraio 2018
Dal 17 al 19 gennaio 2018 si è svolto a Salonicco (Grecia) il 2 ° incontro transnazionale del progetto KA2 EDUCATE – Educators for Inclusive and Effective Reintegration of Inmates (EDUCATE – Educatori Per la Reintegrazione Inclusiva ed Efficace dei Detenuti). Durante il primo giorno i partner hanno completato il primo output del progetto, lo strumento di riconoscimento delle competenze richiesto dagli educatori che lavorano con i detenuti in carcere e con persone in misure alternative alla detenzione. Il gruppo ha progettato lo strumento sulla base di documenti e contributi condivisi durante il primo anno di formazione e scambio di pratiche. Lo strumento verrà presentato da ciascun partner ai principali stakeholder nazionali, al fine di raccogliere i propri commenti e il proprio punto di vista. Zoe Lyra e Nikos Rammos, 2 attori del National Theatre of Nothern Greece, che offrono volontariamente lezioni di recitazione ai detenuti del carcere locale di N. Diavata, condividono con i partner la loro esperienza e come il dramma abbia cambiato la vita dei prigionieri. Durante l’incontro, il gruppo di lavoro di EDUCATE ha portato il suo contributo all’evento ContaminAzioni, in streaming, con il seminario di divulgazione “Diversità e contaminazione in carcere e nei luoghi dell’emarginazione“. All’interno dello stesso evento si sono svolti altri workshop in streaming da Atene, Latina, Verona. YouinEurope ha presentato l’importanza dei progetti europei e dello scambio di buone pratiche. Noesso ha presentato la prima uscita del progetto e L’Ovile ha presentato i risultati dell’indagine sul personale condotto all’interno di EDUCATE. Mary Grizou, direttrice della Second Chance School di N.Diavata, Kalliopi Pasia, facilitatrice nel programma di scrittura creativa che opera nelle prigioni di N. Diavata e il signor Elton Cenere, ex detenuto e partecipante al programma di scrittura creativa, hanno presentato la loro esperienza su come il programma di scrittura creativa ha cambiato la vita quotidiana dei detenuti, offrendo loro un obiettivo e una prospettiva. Cenere ha spiegato come è stato immensamente ispirato e trasformato dopo il programma, e desidera continuare la sua passione per la scrittura e pubblicare i suoi libri.

CONTAMINAZIONI OSPITA EDUCATE

12 gennaio 2018
Il 18 gennaio avrà luogo ContaminAzioni per l’Europa, una conferenza webinar che si svolge in una giornata. Il tema specifico scelto è quello delle contaminazioni: quei mutamenti che avvengono grazie al contatto con l’Altro. Per partecipare registrati alla pagina glocalfactory.eu/contaminazioni-iscrizione/ La conferenza si svolgerà con modalità innovative perché prevede il coinvolgimento di quattro diverse città europee: Verona, Atena, Salonicco e Latina che saranno collegate in streaming tra loro. Inoltre tutti gli interventi saranno registrati e trasmessi in podcast su piattaforma web in modo da essere accessibili anche a un pubblico online. Programma La giornata si divide in una prima parte in sessione plenaria a Verona (9,30), dove verrà trattato il tema delle contaminazioni nelle sue molteplici sfaccettature e in maniera diacronica: da un’introduzione filosofica a un contributo storico, linguistico e geografico. Nel pomeriggio invece (dalle 14,00) relatori e pubblico si divideranno in 5 workshop ognuno trattante un ambito scelto. E’ proprio in questo spazio virtuale pomeridiano che sarà possibile partecipare all’intervento del gruppo di lavoro di EDUCATE che collegato da Salonicco parlerà di “Diversità e contaminazione in carcere e nei luoghi dell’emarginazione” In conclusione (dalle 16,00) ci si raccoglierà nuovamente in seduta plenaria. Ogni workshop fornirà un breve report del proprio lavoro e un intervento finale riassumerà quanto avvenuto. Per consultare il programma completo scarica il PDF: glocalfactory.eu/programma-contaminazioni.pdf Cosa è ContaminAzione Contaminazione è il termine che indica un processo di fusione di elementi di diversa provenienza, è una parola che rappresenta il momento di mescolanza di entità di diversa natura che entrando in contatto non possono fare a meno di interagire tra loro. Invasioni, guerre, pandemie, spartizioni territoriali sono tra le tante circostanze che hanno aperto la strada a storie di contaminazione intesa come influenza culturale, sociale, linguistica, scientifica, geografica, che qualsiasi territorio, ed in particolar modo quello europeo, ha vissuto nell’arco della Storia, evoluzioni che avvengono solo grazie al contatto con l’Altro. [E’ inoltre possibile seguire l’intervento da Salonicco alla pagina Facebook: www.facebook.com/ka2educateproject/] Per informazioni sul progetto educate visita il sito. www.educateproject.eu